Not Safe For Work

Not Safe For Work

lunedì 30 luglio 2018

What is shibari, the art of Japanese rope bondage, and how can you practice it?

Japanese rope bondage – more often known as ‘shibari’ – is an ancient art form which is becoming ever more popular. 

Although often associated with fetish practitioners, shibari is a learned skill that can be used for mental stimulation and relaxation, both by the roper (usually called a rigger) and the person being trussed up (the model or ‘bunny’). 
When done well, it is incredibly beautiful. 
When done badly, it can be dangerous – but it’s a skill that most people can learn. 
I spoke to five people for whom shibari is a intrinsic part of their lives and asked them what makes them want to play with ropes. Djfet runs the South Coast Shibari group – I asked her what attracted her to such an unusual craft. 

Why shibari? 
‘I am hyperactive with a very fast brain, but due to the intense connection and slow build up and removal of rope, shibari allows me to be mentally still. ‘There is no point in fighting bonds if you are stuck – there comes a time when you need to accept it and simply ‘be’. ‘I love the beauty of it and how the women look so feminine, but people get into shibari for millions of different reasons. ‘Perhaps they like being restricted. Some like the control of binding someone else, others enjoy the intense emotional connection. ‘Being the centre of someone’s full attention is intoxicating, seductive, intimidating and demanding.’ 

How did you learn the ropes (sorry!)? 
‘I started with the internet but you very quickly need other people to bounce ideas off. ‘I went to my local peer rope group and it blew my mind – a whole room full of people who liked the same thing that I did. ‘A room of people in leggings and t-shirts giggling, laughing, being intense, being caring with each other – and eating a lot of cake! ‘I started to attend specific workshops and extended my skills. ‘When I moved south I found there was a gap in the local area so I gathered my courage and set up South Coast Shibari. ‘I still attend workshops and private tuition with more experienced practitioners and in turn I teach and give private tuition myself.’ 

Shibari requires care and skill (Picture: Getty)
What do you get out of it? 
‘I adore zoning in on the person I tie with. ‘I find out what mood they are in and always negotiate what they want – and really don’t want – before I tie them. ‘Seeing them become free and relaxed is a huge gift to both give and receive. ‘When I am tied myself I still get that sense of quiet inside my head – the space where my thoughts aren’t racing at a million miles an hour. 
‘For me, this is not a sexual act – which is not to say that it doesn’t become erotic; after all it’s primarily an erotic art form. 
‘When I teach I feel really honoured to give people the skills they’ve been looking for. 
‘I’m the house rigger at FILTH fetish club in Brighton and the amount of women who ask me to tie them is phenomenal. ‘They see me as a safe way to try the experience without being hit on. They want to feel bound, beautiful and feminine – just as I did when I first started.’ 
Emma Ai is both a rope model and a rigger. 
‘I started with shibari four or five years ago as a model and for the last three years have also been a rigger. ‘My first shibari experience was during a photo shoot in Barcelona.The ropes and positions were amazing, I fell in love at first sight. ‘The sensation was totally unexpected… I was really nervous but wrapped and suspended I just felt amazing freedom. ‘It was a mix of adrenaline, pain and pleasure and I became addicted to the experience. 

A shibari demonstration at Barcelona’s Erotic Fair in 2016 (Picture: Miquel Benitez/Getty)
‘Shibari provides that mental break all of us need sometimes. ‘I think it’s because you have to totally trust the person who’s going to tie you and just let yourself drop like a doll. ‘You must be prepared physically and mentally. ‘As a rigger, you have to know exactly where you can run your ropes around the body and where to tie your knots if you are suspending someone, because if you don’t know what you’re doing you can seriously injure your model.’ 

What is shibari? Shibari developed from Hojo-jutsu, an ancient Japanese method of restraining prisoners. Samurai took pride in treating captives well and showed their respect by tying them with elaborately artistic bindings. This eventually developed into Kinbaku-bi – literally ‘the beauty of tight binding’ – which is now more commonly known as Shibari. Although it is often associated with BDSM-style eroticism, shibari isn’t always sexual – many people indulge in it purely as an art form. 

Zoe
‘I was on the fetish scene for years before I tried rope – I used to think it was boring and far too much trouble for too little reward. ‘But I was dating someone who really liked rope – one afternoon I decided to give it a try, so I tied my friend up (very inexpertly) and watched this amazing reaction: the eyes roll back in bliss and this spaced-out silly grin appears. 

(Picture: Peter Parks/AFP/Getty Images)
 ‘I thought ‘hmm, NOW I see the point of playing with rope’. ‘I’ve been to groups and classes since because I don’t want to appear completely incompetent in front of anyone I’m playing with, but I enjoy just messing around with a willing victim and some lengths of hemp. ‘It seems to work best on people who like the idea of being temporarily helpless and at someone else’s mercy – and if they are into a bit of ‘good’ pain they like it even more.’ 

Anna Bones runs the Anatomie Shibari studio with her partner Fred Hatt. 

‘I discovered ropes in 2013 and fell head over heels in love with it. ‘I met my partner at my first ever rope event and we’ve been together ever since. We’ve been teaching and performing internationally since 2014 and opened our own venue in 2015. ‘There’s an ever growing interest in learning shibari. ‘Our mission is primarily education and we’re focused on the teaching of shibari knowledge, with regular workshops from total beginner to advanced skills. ‘Being a female-led space, we seek to empower our audience and students when it comes to their bodies and their sexuality by giving them the vocabulary and tools to work with that go beyond just the ropes. ‘Our clientele ranges from young to old, of all genders and ethnicities and all shapes and sizes. ‘Some come with partners, some alone – it’s very easy to make friends and find partners to tie with during the socials and rope jams.’ 

Neil is longtime shibari enthusiast – I asked him for tips on tying. 

‘I love the flexibility of rope, it works whatever your partner is into. ‘Submissive? A few quick ties and you’re in control. ‘Do they like the stillness and calm of being immobile? Take your time and truss them up like a chicken.

http://metro.co.uk/2018/02/21/what-is-shibari-the-art-of-japanese-rope-bondage-and-how-can-you-practice-it-7293510/

• Relax and tea • • #collar #restraint #restraints #submissivemen #submissiveboys #cuffs #cuffed #leathercuffs #leathercollar #leather #bdsmplay #bdsmrelationship #bdsmlife #bdsm #bdsmlove #fetishlife #fetishist #domsubrelationship #bdsmlifestyle #mistress #submission #dominagoldy #collared #bdsm #sadomaso


lunedì 23 luglio 2018

Il Blog intervista: Pat Foster e Davide La Greca

SU 30 GENNAIO 2018 DA ROBY WJ IN INTERVISTA

Iniziamo il 2018 del Blog con una nuova, doppia, intervista, che per gli argomenti trattati credo piacerà ed incuriosirà molto i nostri lettori.
Parleremo infatti con Pat e Davide di svariati argomenti, di relazioni “poliamorose”, di “transizione”, di Shibari e molto altro ancora. Buona lettura!

Benvenuti ad entrambi, e grazie per aver accolto il nostro invito. Iniziamo da Pat.
Ciao a tutti, ho 37 anni e sono nato in Campania. Sul passato temo ti deluderò un po’ in quanto non ho molto da raccontarti, anzi preferisco sorvolare, non per motivi particolari, ma semplicemente perché è un passato che ormai non mi appartiene più.

Non ti preoccupare, comprendiamo. Sappiamo però che la tua vita cambia dopo i 20 anni, quando lasci casa…
Si, a 24 anni ho lasciato casa dei miei genitori e sono andato a vivere con Davide, che costituisce la mia relazione primaria. Viviamo insieme in provincia di Pavia.

Ecco Davide, subito tirato in ballo (risata). Come vi siete conosciuti?
Ci siamo conosciuti su un sito a tema “BDSM” che ora non esiste più. Proprio in quei giorni c’era un evento a Roma a cui Pat voleva partecipare. Quindi sono andato a Napoli dove viveva, a conoscerlo, e abbiamo partecipato insieme alla festa. Dopo neanche un paio di giorni è cominciata la nostra relazione e viviamo insieme da allora.
La mia adolescenza è stata normalissima in una famiglia che mi ha sempre dato appoggio e sicurezza. Sono cresciuto molto indipendente. La regola era “fai quello che vuoi se sei disposto a pagarne le conseguenze”.

Pat, non mi è sfuggito che poco fa hai definito la vostra relazione “primaria”, in che senso?
Perché siamo entrambi “poliamorici”, cioè viviamo più relazioni contemporaneamente. Nell’arco di questi 13 anni insieme abbiamo coltivato sentimenti, progetti e lavoro, che ci hanno molto uniti e che ancora sviluppiamo insieme, mi riferisco principalmente alle scuole di “Shibari” in tutta Italia e vari progetti culturali sul “BDSM”.

Qualche tempo fa sentii per la prima volta parlare di relazioni “poliamorose” grazie ad un servizio de “Le Iene”, la domanda più immediata che uno si pone è se non provate mai gelosia?
Pat: la gelosia è un sentimento che in passato ho provato e che ho capito essere deleterio per me e per le mie relazioni. Quindi ho cercato di gestirlo, principalmente comprendendo da cosa fosse scatenato. Al momento posso dire di non avvertirla praticamente più.
Davide: si, la provo, come tutti i sentimenti è istintiva, ma la gestisco ricordandomi che la gelosia è solo la paura di perdere qualcuno a cui si tiene.

Quindi, trattandosi di relazione aperta non avete necessità di nascondere conquiste e “intrallazzi” giusto? E’ sempre stato così tra voi?
Pat: esatto, anzi a me fa piacere quando i miei partner almeno si conoscono e riescono a frequentarsi convivialmente. Spesso si esce insieme, si va a cena, si chiacchiera e si va d’accordo. Non è sempre stato così, le mie prime relazioni erano monogame perché l’altro lo era, ed è uno dei motivi principali per cui non sono proseguite.

Questo tipo di relazione comporta anche far conoscere e far frequentare il proprio partner all’altro? Oppure le altre relazioni siete liberi di viverle al di fuori della vostra relazione di coppia?
Pat: non mi è mai capitato che due miei partner stessero a loro volta insieme e avessero un’interazione sessuale di qualche tipo. Ma, come detto prima, richiedo assolutamente che chi entra a far parte della mia vita faccia conoscenza delle persone che già ne fanno parte. Per una questione di rispetto e anche perché ciò che non conosci assume nella mente quasi sempre una connotazione sbagliata. E anche a me fa piacere conoscere le persone con cui si relaziona Davide, abbiamo anche vissuto insieme in tre: Davide, io e una sua partner.

Pat, per riassumere, vi amate e svolgete insieme un lavoro che è anche una passione, un’attività che vi porta a viaggiare tanto e a conoscere tante persone. Al tempo stesso siete liberi di divertirvi, amare e fare sesso con altre persone. Così descritta sembra davvero una condizione perfetta ed invidiabile, c’è anche un risvolto della medaglia?
Si, litighiamo e discutiamo esattamente come in tutte le altre coppie, con l’aggravante anche del lavoro insieme. Ma ci siamo rodati anche in questo. Non c’è mai un muro e, una volta sbollita la parte accesa della discussione, c’è sempre spazio per il dialogo, che costituisce la parte più importante del nostro rapporto.

Parliamo di una passione che accomuna entrambi, lo “Shibari”. L’idea di questa intervista nacque mesi fa, quando intervistai Mauro Lacqua e pubblicammo alcune fotografie che ti fece. Non conosco molto a riguardo, salvo che è una disciplina nata diversi secoli fa in Giappone avente connotati erotici. Davide, dovendola spiegare più nel dettaglio?
Il primo mito da sfatare riguarda proprio le sue origini. Si tratta di una disciplina relativamente giovane, lo Shibari per come noi lo intendiamo nasce all'inizio del secolo scorso. Prima le legature non avevano una valenza erotica ma facevano parte o di discipline marziali o erano strumenti narrativi del teatro Kabuki. Solo negli ultimi 100 anni si è data questa connotazione legata alla sessualità e allo scambio emozionale, che è poi ciò che ci spinge a viverla quotidianamente.

Come ti sei avvicinato alla disciplina, facendola poi diventare anche un lavoro?
Come tutte le cose belle nasce per caso. Mi sono trovato a farlo su richiesta di una ragazza quasi trent'anni fa. Non era neanche nelle mie fantasie ma in breve tempo mi ha appassionato ed è diventata molto importante nella mia sessualità e nella mia vita.
Agli inizi gli unici riferimenti che trovai erano riviste pornografiche americane e tedesche più qualche raro reperto giapponese. Soltanto con l’arrivo di internet è stato possibile un confronto con altri appassionati, lo stesso che mi ha condotto fino ad oggi.
Iniziare ad insegnare nel 2003 è stata la scintilla che mi ha portato a codificare maggiormente il mio stile personale, che poi è quello che caratterizza la mia scuola che attualmente organizza lezioni in tutta Italia. Pietre miliari di questo percorso sono stati due manuali, gli unici in italiano, scritti rispettivamente nel 2010 e nel 2016, che fotografano il mio stile in quel preciso momento.

Si deve sostenere un esame per diventare Maestro e da chi viene conferito il titolo?
Non esistono esami, è uno di quei casi in cui sono gli allievi a darti il titolo, riconoscendo le tue capacità nell'insegnamento.
Per quanto due anni fa ho ricevuto l’attestato di istruttore certificato, unico in Italia, della scuola giapponese “Yukimura-Ryu Shibari” direttamente dalle mani delle Sensei Haruki Yukimura. Con lui ho seguito un percorso formativo unico, basato sullo stile dolce detto “Aibunawa“.

Ho letto che lo “Shibari” non è solo una pratica erotica ma viene usata anche per il rilassamento e in ambito artistico, ad esempio per la realizzazione di sculture viventi. E’ corretto?
E’ corretto, come tutte le attività estetiche ed artistiche che riguardano il corpo e le sue sensazioni, come la danza, il tango, il tantra, ma anche la pittura e la stessa fotografia. Nell’utilizzare le corde per immobilizzare è possibile anche cercare di creare il bello, ed emozionare non solo chi le vive ma anche chi le guarda.

Pat, è vero che solamente con le “legature” è possibile raggiungere il piacere sessuale?
Assolutamente no. Io ho una sessualità abbastanza varia e che spesso non richiede che si faccia BDSM o shibari in particolare. Allo stesso tempo mi piacciono delle pratiche e il piacere che provo nelle legature va addirittura al di la del piacere sessuale. Tocca corde molto più profonde ed agisce a livello mentale ed emozionale. Mi capita anche di godermi le corde senza cercare un orgasmo fisico, ma solo per il piacere che ne ricavo su altri livelli.

Davide, chi frequenta la vostra scuola? Sono soprattutto uomini o donne, e di che età?
Qualsiasi età dai 18 anni in poi, con una maggioranza tra i 25 e i 40. Ambo genere.

Perché ci si rivolge ad una scuola di Shibari, e con quale finalità?
Lo shibari è una pratica che da autodidatti è difficile da apprendere, soprattutto la parte inerente alla sicurezza per ridurre i rischi di fare danni. Inoltre è molto difficile comprendere la parte emozionale semplicemente guardando una foto o un tutorial on line. Si tratta di una disciplina pratica fatta di tecnica ma soprattutto di passione.

Come si svolge una lezione di Shibari?
Le lezioni si dividono in classi pubbliche ed in lezioni private. Nelle prime, secondo la nostra scuola, utilizziamo un metodo didattico multi livello mettendo insieme un gruppo di studenti e impostando la lezione in base alle loro capacità peculiari, aspettative e desideri. La lezione prevede momenti di teoria in cui si spiegano i concetti e le basi, e momenti di pratica in cui si fanno scorrere le corde fino all'apprendimento della tecnica. Il processo prevede il consolidamento delle legature imparate prima di affrontarne di nuove. Si cerca in ogni caso di non imporre agli allievi uno stile rigido affinché possano sviluppare il loro personale modo di esprimersi attraverso le corde.
La lezione privata si svolge col medesimo approccio ma con un’attenzione personale e diretta all'allievo e alle sue necessità. Nella lezione privata si affrontano anche argomenti più intimi e tecniche più legate al gioco di coppia.

Si sta nudi o parzialmente vestiti?
In classe ognuno è libero di vestirsi come vuole, nei limiti del rispetto altrui. Normalmente suggeriamo un abbigliamento comodo che lasci scoperto gambe e braccia.

La pratica di questa disciplina comporta qualche rischio e può avere controindicazioni?
Lo shibari è pericoloso come tutte le attività umane che mettono il corpo in condizioni di rischio. Per questo siamo molto attenti al concetto di sicurezza e ci approcciamo alla pratica con molto rispetto.

Pat, tu invece come ti sei avvicinato allo Shibari, lo conoscevi già prima di conoscere Davide?
Lo conoscevo ma non lo avevo mai praticato. Quando ho conosciuto Davide sapevo che era già una parte importante della sua vita, e che lo avrei sperimentato, e infatti ricordo il giorno in cui mi ha legato per la prima volta come fosse ieri. Dopo diverso tempo già trascorso insieme ci siamo ricavati questo momento privato per provare la prima volta e non ho più smesso.

E che rapporto hai con questa disciplina? Al di là della sfera lavorativa, è una costante anche nella vostra relazione sessuale di coppia o con altri partner?
Si, è un filo conduttore abbastanza importante. Non è obbligatorio praticarlo nelle mie relazioni ma, siccome a me piace, chi si relaziona con me presto o tardi cede, prova e spesso diventa a sua volta un appassionato di corde. Con Davide è praticamente una costante, la parte lavorativa è una proiezione della passione che proviamo per questa pratica.

Lasciamo lo Shibari, sappiamo che da anni hai iniziato un profondo percorso di cambiamento, ti va di parlarcene?
Si, il mio desiderio di “cambiare” ha preso forma 5-6 anni fa, quando ho deciso di conclamare il fatto che mi sentivo appartenente al genere maschile e non a quello attribuito alla nascita. Il percorso, soprattutto iniziale, non è stato semplice perché c’è tutto un iter “standard” da seguire, che magari può essere adatto ad una persona, ma meno ad un’altra. Un percorso psicologico, che mi ha molto aiutato a capirmi, poi la terapia ormonale ed infine l’iter legale, affinché un giudice ti dia il suo benestare ad operarti.

Dalle tue parole intuisco un percorso non del tutto “standard”, è così?
Si, non credo minimamente di rappresentare il sentire comune delle persone transessuali “FTM” (“female to male”) perché non ho sentito all'inizio la necessità di una terapia ormonale, puntando piuttosto alla mastectomia, ossia ad eliminare i seni dal mio corpo, intervento che avevo desiderio di attuare al più presto.
In realtà di tempo ne è passato anche troppo fino a che, poco più di un anno fa, mi sono finalmente operato. E’ stato un momento molto importante della mia vita, che mi ha portato ad un profondo senso di guarigione, corporea e mentale.

Puoi spiegarci meglio?
Si, finalmente avevo un corpo più attinente alla mia identità e in grado di rappresentarmi maggiormente.
Questo ha anche acceso il mio esibizionismo, tra l’altro già molto presente. Ho cominciato a posare e fare fotografie quando le cicatrici dell’operazione erano ancora molto visibili. Ho aperto un canale amatoriale “BDSM” per espormi anche sotto aspetti più intimi. Ho continuato a farmi legare con ancora più soddisfazione.

Quindi la tua “transizione” può definirsi ultimata?
Non credo che esista un inizio o una fine di questo tipo di percorso, per cui fatico a dire se sia concluso o meno.
Mesi fa ad esempio ho fatto un tentativo con la terapia ormonale, che purtroppo ho dovuto interrompere per un problema clinico dopo pochi mesi. Anche se oggi quel problema sembra rientrato conservo dei dubbi a riguardo e non l’ho ripresa.

Dopo l’intervento com'è stato familiarizzare con il tuo “nuovo” corpo?
Come ti dicevo poco fa dopo l’intervento mi sono finalmente accettato sia dal punto di vista fisico sia mentale. Sono circondato da persone che mi vogliono bene. Al momento ho due partner che mi sostengono in tutto. Riesco anche a condurre una vita improntata sulle mie passioni e mi sento sempre molto stimolato.

Davide, cosa ne pensi tu?
Ho vissuto la sua transizione con il rispetto che si deve ad una scelta personale importante. L’ho sostenuto, consigliato e appoggiato partendo da una filosofia personale che ognuno deve essere libero di esprimere quello che sente se non danneggia gli altri.

Pat, e nel rapporto con gli altri?
La mastectomia, l’assenza di una terapia ormonale e diverse mie passioni di cui non faccio mistero, tende a dare di me un’immagine abbastanza ambigua. Trovo molta vicinanza e solidarietà, ma anche critiche molto accese, sulle mie scelte, sul mio esibizionismo, su quello che faccio. Io mi limito a prendere il meglio di tutto, anche delle critiche se sono costruttive, e lascio il resto.

E con la tua famiglia che rapporti hai?
Con la mia famiglia ho interrotto la maggior parte dei rapporti anni fa. Non siamo mai andati particolarmente d’accordo e quindi da quando sono andato via da casa loro, più di dieci anni fa, quel poco dialogo che c’era prima si è anche molto rarefatto e al momento non sembra che possa riprendere.

Siamo indiscreti, dato che non ne fai mistero, a quali passioni ti riferisci soprattutto?
La mia passione per il BDSM, che spesso viene ancora visto come una perversione da chi non lo pratica. Il mio mostrarmi spesso nudo. Le persone sembrano avere dei grossi problemi col proprio corpo e quello degli altri, si vergognano, lo ricoprono di qualcosa di “sporco”. Mi sono addirittura arrivate critiche perché mostravo così facilmente le mie cicatrici. Come dovessi in qualche modo vergognarmene e nasconderle, quando in realtà sono un segno per me importante.

In conclusione, sfruttiamo fino in fondo la presenza di entrambi per una veloce intervista doppia in stile “Le Iene”.
Cosa vi ha fatto innamorare l’uno dell’altro?
Pat: l’aver trovato una persona a cui non dovevo nascondere nessuna parte di me.
Davide: l’aver trovato la controparte dei miei desideri e del mio stile di vita.

Il lato più bello dell’altro?
Pat: la forza d’animo
Davide: gli occhi

Cosa vi attrae fisicamente nell'altro?
Pat: la barba
Davide: il continuo cambiamento

Vi siete mai nascosti qualcosa? E se si cosa?
Pat: no
Davide: no

Chi ha più successo in amore?
Pat: lui
Davide: nessuno dei due

La vostra relazione è stata poliamorosa sin dall’inizio o ha avuto inizio in seguito?
Pat: C’è stato un periodo durato qualche anno in cui io non mi consideravo poliamorico.

Attualmente quante relazioni “poliamorose” avete in essere?
Pat: due
Davide: tre

La cosa più folle che avete fatto insieme?
Davide: Emigrare al nord.

https://robywj.wordpress.com/2018/01/30/il-blog-intervista-pat-foster-e-davide-la-greca/

venerdì 20 luglio 2018


Il mio blog https://goo.gl/cXqedu #dominagoldy #bdsm #followme


Racconto


Le piaceva osservarmi. Provava una sottile eccitazione nel vedermi nudo, con la testa bassa e le mani dietro la schiena in posizione di attesa. Un' attesa silenziosa, immobile, nervosa. Per quanto la conoscessi sapevo che era imprevedibile, potevo aspettarmi di tutto ma anche niente e nonostante gli anni di appartenenza quello era un momento in cui l'abitudine non si sarebbe mai impossessata di me, mai avrebbe attenuato quel reverenziale timore che sentivo dentro e che mi faceva vivere quegli istanti iniziali come se mi trovassi al cospetto di una Corte in attesa di giudizio di un reato che non sapevo di aver commesso. Cercavo di non produrre alcun rumore , ciononostante, nell'apparente silenzio udivo il mio respiro come fosse amplificato. I suoi occhi erano su di me. Li sentivo perscrutare come se stessero scavando dentro la mia anima. L'eco dei suoi tacchi interruppero i pensieri meditabondi, seguirono da due rapidi e lievi soffi d'aria ognuno dei quali terminò con un leggero colpo secco. Era il suo staffile che colpiva lo stivale. Destandomi dal torpore in cui pensieri e paure mi avevano fatto cadere concentrai la mia attenzione e finalmente capii il significato di quella situazione: non stava riflettendo sul da farsi, stava attendendo che io agissi. Mi inginocchiai, abbassai la testa fino a posare le mie labbra sulla punta dei suo stivale in pelle nera e la baciai, prima una e poi l'altra, lentamente, con delicatezza. Una rapida serie di rabbiosi colpi di frusta cadde come pioggia sferzante di un temporale estivo sul mio culo e altrettanto severamente la sua voce penetrò nel mio cervello rimproverandomi con le seguenti parole:
"Lurido verme, dopo quattro anni non hai ancora capito che la posizione eretta per te è solamente una mera convenzione che ti concedo per poter sopravvivere nel quotidiano e che al mio cospetto tu esisti solo a quattro zampe come un cane?....anzi come una cagna e all'occorrenza anche come una troia!"
Dissi soltanto: "Si Padrona, chiedo scusa".
"...e all'occorrenza anche come una troia!" furono le sue ultime parole prima di congedarmi. Pensai che ci sono diversi modi che un dominante può intendere usando quel sostantivo. Ultimamente avevo la sensazione di venire sottoposto ad una sorta di esercitazione, di allenamento sia fisico che psicologico in modo da abituarmi e svolgere con naturalezza le azioni che mi venivano ordinate. Recentemente ad esempio dovetti infilarmi un plug nell' ano, inginocchiarmi di fronte all'armadio e simulare il sesso orale accogliendo nella mia bocca un dildo realistico attaccato all'anta tramite ventosa. Ero impacciato ma la sua mano intervenne prontamente posandosi sulla mia nuca e accompagnandomi avanti e indietro dando ritmo al movimento. 
"Voglio sentire il rumore della bocca" disse. 
Quando le parlai successivamente di questo specifico episodio scoppiò a ridere nel sentire che definivo l'azione "sesso orale" e mi umiliò ulteriormente rispondendo che mi aveva semplicemente insegnato come si fanno i pompini. Arrossii abbassando la testa mentre nella mia mente prendeva forma un pensiero che mi fece rabbrividire: il significato primario del termine troia. In fondo credo che le piacerebbe non poco ricevere soldi usandomi in tal modo. Non passò molto tempo, infatti, che iniziò a parlarmi di amici, conoscenti, padroni disposti a pagare per un esperienza del genere e usava questa prospettiva come minaccia, come possibile punizione. Stavo iniziando a capire il vero senso di esserle schiavo, di appartenerle. Non era un gioco e lo sapevo bene, era una condizione di vita in cui la regola base sulle cui fondamenta si basa il rapporto è l'obbedienza e la sua infrazione comporta conseguentemente azioni punitive. Non ci si può improvvisare schiavi, è un lavoro costante nel tempo di formazione, in cui il padrone modella sapientemente ciò che gli appartiene fino ad averne il totale controllo che equivale al desiderio dello schiavo di rimanere tale in qualsiasi circostanza, a qualunque condizione.

by Andrea

lunedì 16 luglio 2018

Plug and play


• Who want to be my boytoy? • #boytoy #bdsmlifestyle #bdsm #slave #domination #submissive #followme #dominagoldy #bdsmcommunity #mistress #dominant #bdsmlife #submission #bdsmslave #domina #kinky #plugs #pet #slave #bdsmplay #bdsmrelationship


What Is BDSM and Why Are People So Into It?

BDSM is all the rage. 
Everyone is talking about kink. 
Thanks, E L James. Fifty Shades of Grey has suddenly made kink mainstream. Now that you've hustled back from the movie theater, high on your Fifty Shades Darker fix, let's explore that fantasy life on a deeper level, shall we?

You're not alone in your interest. According to a recent study 50 percent of Americans enjoy some kind of kink or rough sex fantasy, while 36 percent admit to using blindfolds and bondage gear during sex. That is a lot of people!

There are real, psychological and scientific reasons why you're fascinated by BDSM. We broke down the basics for the ultimate beginners guide to kink.

This is a modal window.
The media could not be loaded, either because the server or network failed or because the format is not supported.



First things first, kink didn't start with E L James.

One of the things that really grinds the gears of those who love BDSM is the notion that it all started with Christian Grey. This is inaccurate. People have been into kinky sex since the dawn of time. Humans enjoy mixing a little violence in with sexuality. It's a primal urge. There has been an underground fetish community right beneath your nose this whole time.

An interesting aspect of kink's recent(ish) mainstream attention is the role the media has played. Before the internet, people thought that the only "normal" sex was vanilla, standard-style love-making. Meanwhile, there was a whole community underground exploring a darker side of sexuality. "People who felt such desires rarely or never expressed them, and many must have felt completely alone," says Sandra LaMorgese PhD, author, former dominatrix, and CEO of Attainment Studios. 
"Today, we are more honest with each other and with ourselves — we know that most fantasies and fetishes are actually quite common."

Kink has widely been considered taboo and wrong, which is titillating and makes us want to do it. We're fascinated by what is considered "bad."

It's about control more than anything else.

What freaks us out about BDSM (besides all the canes, ball gags, and whips), is the lack of clarity around why we're interested in it in the first place. What it comes down to is control. It's a desire to give up or receive control over someone. There is something deeply sensual about this giving and receiving — this complete power exchange.

According to LaMorgese, BDSM is often misrepresented and not fully understood. This might be why we feel so weird about it. "At first glance, BDSM (Bondage, Discipline, Sadism, and Masochism) may look like an abusive practice that's only carried out by heartless sadists and victims with low self-worth. With BDSM, the misunderstanding is especially profound. The practice of BDSM involves trust, compassion, love, acceptance, and surrendering control for the good of one's emotional health."

There is nothing wrong with you if you want to try BDSM. You're not a depraved soul who longs for torture . . . you're just a person with a rich fantasy life. According to a 2008 study, those who engage in BDSM are no more depraved or psychologically "damaged" than anyone else.

So, don't freak yourself out if you enjoy being spanked and blindfolded. There is nothing wrong with you.


You can always bow out.

Another thing that scares us silly? The idea that we can't get out of a BDSM fantasy once we're inside of it. Many of us (myself included, once upon a time), are apprehensive about giving up control because we're afraid we can't have it back.

This is untrue! You can always say no. BDSM is not about getting hurt against your will. It is not about exposing yourself to trauma; it's really about exploring your sexuality in a way that feels safe.

Before you try a BDSM scene (because you know you want to), discuss boundaries with your partner and figure what you are and are not comfortable with. If something feels too overwhelming in the moment, you use your safe word.

Choose a word that won't interfere with the scene (read: won't be a turn-off) — something neutral like "strawberry" or "Netflix." Your safe word means, "I need a break. Stop."


BDSM doesn't always include sex.

Contrary to popular belief and what you see in pornos, BDSM is not always about sex. In fact, a professional dominatrix NEVER has sex with her clients. Crazy, right?

The thing is, BDSM isn't always about orgasms and erections. It's more like therapy or meditation. It's a place to explore boundaries, emotions, and fantasy. Yet, it is very erotic.

"On a physiological level, the elements of fear and danger get the adrenal glands going, flooding a person's system with epinephrine, followed by endorphins. These are the body's natural painkillers, and they model opioids in how they make us feel, giving us feelings of calm, relaxation, and well-being." Says LaMorgese, "Most clients say that when a session is over, they feel a sense of euphoria or a warm, ecstatic glow. Psychologically, this sort of activity can also be very healing. Usually subs have gone through life harboring sexual desires that they feel are shameful, but practicing BDSM gives them a free space to explore their fantasies without fear of judgment and shame."


Here's the difference between Dom vs. Sub.


In your general BDSM role play, there is a dominant and a submissive. The dom has control over the sub. In Fifty Shades, Christian is the dom and Anna is the sub. Of course, these roles are completely gender fluid.

"Generally, BDSM is about dominance and submission. One person plays the "top" or dominant role, while the other plays the "bottom" or submissive role." LaMorgese tells us. "These roles often coincide with each person's natural tendencies or come from a particular desire they feel to dominate or submit. It's also possible to be a "switch," which means that you can play both roles naturally."

If you're not sure "who" you are in the BDSM sphere, there is nothing to worry about. Figuring out which role feels best for you actually takes some experimentation. You might even wind up surprised by what you're into. Perhaps you really think you're the ultimate dom, only to realize this doesn't feel right to you, and you'd much rather be tied up; that's OK!

You can try different things and see what works for you. The beauty of sexual experimentation is allowing yourself to try things and make mistakes. As long as you're exploring these fantasies with someone who you trust, you have nothing to fear.

http://www.popsugar.com/love/What-BDSM-43171408

sabato 14 luglio 2018

venerdì 13 luglio 2018


Racconto lungo


Era nel suo stile instillare la curiosità. Potevo affermare di conoscerla bene e allo stesso tempo riusciva sempre a sorprendermi nel concretizzare le sue perverse fantasie. Quando una nuova idea prendeva forma nella sua mente i suoi occhi brillavano di una luce ultraterrena che mi faceva eccitare ma sapevo per certo che non si prospettava niente di buono per me. Più mi intimorivo, più ero curioso e più mi eccitavo all'idea di non avere scampo. Mi raccontò che era venuta a conoscenza di un club molto riservato e frequentato da uomini e donne molto facoltosi . Eleganza e cultura erano imprescindibili per accedere a quel circolo ma non bastava, bisognava ricevere un invito da uno dei soci fondatori e la Padrona ebbe modo di conoscere uno di loro in lussuoso ristorante durante una cena con la sua schiava. Era un vecchio cliente della banca nella quale Serena lavorava nonché amico intimo, infatti non ebbe nessuna esitazione a presentargli Sara come la sua Padrona. L'elegante signore rimase piacevolmente colpito da quella presentazione ma non ne fu assolutamente sorpreso. Prese la mano di Sara delicatamente e con un inchino le fece il baciamano, da vero signore, senza far venire a contatto le sue labbra col dorso della mano. A fine cena si avvicinò il cameriere e con discrezione informò le due signore che non avrebbero dovuto preoccuparsi del conto. 《È nello stile di François…》 disse Serena.

Era evidente che all'interno del club si consumavano le più smoderate ed eccessive pratiche sessuali ma con una sorta di apparente eleganza. Mi spiegò che le feste erano organizzate all'interno di un castello privato dove numerose stanze erano adibite alle diverse attività. Erano previsti anche locali per i vari giochi d'azzardo sempre implementati da intrattenimenti di natura sessuale. L'invito era riservato alla Padrona e io avrei avuto accesso solo perché ero il suo schiavo, altrimenti, come accompagnatore avrei dovuto aspettare fuori, chiuso in auto. Inoltre non avrei potuto muovermi liberamente ma dovevo essere tenuto al guinzaglio e in caso di necessità la Padrona avrebbe dovuto cederlo provvisoriamente a qualcuno. Gli uomini erano prevalentemente in smoking e tutti, sia uomini che donne indossavano una maschera veneziana. Per gli schiavi era previsto un dress code che esprimesse chiaramente il ruolo ma anche nudo completo o parziale era consentito. La maschera doveva essere un cappuccio di cuoio. La cosa che davvero mi fece rimanere interdetto era che avrei dovuto pagare seicento euro per l'ingresso, trecento a persona. Era compresa anche la tessera annuale di socio, obbligatoria per legge. 《Non preoccuparti schiavo, li anticiperai e se ti comporterài come devi te li rimborserò》 disse la Padrona con il consueto sorriso perverso. Non capii cosa volesse dire. Non capivo perché volesse farmi spendere una cifra assurda per una festa quando avrebbe potuto spendere quei soldi esclusivamente per se stessa. In più me li avrebbe restituiti. Non capivo ma piano piano un inspiegabile ansia iniziò a impossessarsi di me. “Se tu comporterài come devi”….mi fissai su quelle parole. I party erano organizzati sempre durante la settimana e quello a cui partecipammo capitò di martedì. Dalle 22 fino a notte inoltrata. Vidi Sara uscire dal portone di casa camminando leggiadra sui tacchi a spillo e mi apprestai a scendere per aprirle la portiera. Mi fece un cenno col viso mentre si avvicinava all’ auto per farmi intendere che su sarebbe seduta sul sedile posteriore. La salutai dicendo 《Sei di una bellezza mozzafiato》. Era vero, sentivo l'ossigeno fermarsi in mezzo al petto e in quei momenti sentivo pienamente tutta la mia mortificazione nell'essere solo uno schiavo e naturalmente lei lo percepiva e ne traeva un piacevole godimento. Arrivammo che mancava un quarto d'ora alle ventitré. Appena scesi dall'auto agganciò il guinzaglio al collare e ci avviamo verso l'ingresso lungo un vialetto di pietre, attraversammo il ponte levatoio fino al grande portone che aveva i battenti aperti e ai cui lati sostavano due energumeni in giacca e cravatta il cui compito, oltre che garantire la sicurezza era di accogliere i clienti e ritirare gli accrediti. Io seguivo Sara a mezzo metro in modo che la catena del guinzaglio non fosse in trazione. Un distinto signore sulla sessantina molto elegante si avvicinò e salutò Sara con il baciamano. Era davvero un bell'uomo e dimostrava di essere molto più giovane rispetto alla reale età. Aveva dei lineamenti perfetti e un vestito che sembrava donargli un aspetto importante come di chi ricopre una carica molto elevata. Era più alto di me di almeno cinque centimetri. Mi rivolse uno sguardo accennando un sorriso e sollevando impercettibilmente il sopracciglio. Chinai la testa e salutai dicendo 《 buonasera signore》 così come si era raccomandata la Padrona. Non rispose ma si complimentò con Sara per l'educazione che mi era stata impartita. Mi fece indossare il cappuccio di cuoio il quale aveva dei fori in prossimità delle orecchie. All'altezza degli occhi e della bocca vi erano delle cerniere che lasciò aperte. Curiosammo fra le varie stanze ma in realtà la Padrona ne cercava una specifica. Non sapevo nulla di ciò che mi aspettava e forse fu meglio così. C'erano molti uomini e donne ma l'impressione non era quella di affollamento. Le stanze erano numerosissime, alcuni corridoi erano stretti, altro più larghi. Una parete di pietra correva lungo delle scale che scendevano nei sotterranei e l'illuminazione cambiava, delle torce infuocate prendevano il posto delle più moderne applique. Scendemmo le scale, Sara dava l'impressione di sapere dove si stesse direzionando o comunque di cosa stava cercando. Mi condusse lungo un corridoio dove vi erano varie porte con delle targhe in ottone che riportavano ognuna delle diciture diverse. Si fermò di fronte ad una rivestita di cuoio nero con due serie di borchie d'oro verticali e una targa con incisa la parola “ HOLE”. Vidi che inserì una specie di gettone in una fessura e un elettroserratura scattò facendola aprire leggermente. Spinse con la mano, entrammo e mi fece richiudere la porta alle nostre spalle. Non era molto grande la stanza , aveva un buon odore di pulito e alcuni diffusori emanavo una gradevole fragranza al pompelmo. La luce era soffusa ed era generata da quattro lampade di sale rosa. Diedi una rapida occhiata all'ambiente. Le pareti erano rivestite anch'esse di cuoio. In quella a sinistra rispetto all'ingresso vi era un inginocchiatoio di legno attaccato alla parete nella quale vi era un buco incorniciato con un anello dorato. Ad un metro circa di distanza e un metro più in alto vi era una fessura e subito sotto una specie di sporgenza di forma incava come quei meccanismi dove si infilano le monete e vi ricade il resto, solo un po’ più grande. A destra dell’ inginocchiatoio c'era un trono che dava l'idea di essere molto comodo. Aveva tre gradini per salirvi e un piccolo sgabellino che serviva da poggiapiedi. Nella parete opposta una vetrina illuminata da una striscia di led incassata nella parete con dentro bottiglie di alcolici e in un'altra evidentemrnte refrigerata acque naturali in bottiglie di vetro, varie bibite e calici. Non riuscivo a comprendere il significato di quell'ambiente ma piano piano una vaga idea prese forma nella mia testa. La Padrona mi vedeva perplesso ed intimorito. Si accomodò sul trono e si fece servire un whisky invecchiato 14 anni. Doveva costare parecchio ma in fondo avevo dovuto versare seicento euro per quella serata. Mi inginocchiai al fianco del trono dopo aver servito la Padrona. Sorseggiò il suo whisky guardandomi dall'alto. Mi fece aprire la bocca ma risposi che non avevo voglia di alcol ma dolcemente ripetè l'ordine aggiungendo che ne avrei avuto bisogno. Obbedii senza più obiettare e riversò direttamente dalla sua bocca il distillato alcolico dopodiché mi ordinò di posizionarmi sull’ inginocchiatoio. Mi resi conto che il foro era esattamente all'altezza del viso. 《 Inizi a comprendere, schiavo?》Mi girai verso Sara piagnucolando 《 Ti prego Padrona…》《 schiavo ho investito anni per educarti e so per certa che sei pronto perciò non fareMi girai annuendo col capo chino. Vidi con la coda dell'occhio che premette un pulsante sul muro. Rimanemmo in silenzio per diversi minuti fino a quando sentìi un rumore metallico, mi girai e vidi un gettone color argento cadere dalla fessura nel piccolo raccoglitore incavo. Lo raccolse e lo posò in una ciotola più grande che si trovava su un ripiano alla sinistra del trono. Mentre mi girai nuovamente verso la parete vidi spuntare un pene ricoperto da un preservativo. 《Oh no no no….》 sussurrai…ma la voce di Sara mi fece tremare 《Non mi fare incazzare schiavo! Ho detto basta capricci!》 Si allungò verso di me e con la mano accompagnò la mia testa. Aprii la bocca e iniziai con le labbra a massaggiare la cappella di quel pene. Era piccolo e tozzo, dopo qualche attimo sentii con la lingua il calore dello sperma riempire la punta del preservativo. Si ritirò appena venne. Sentìi la mano di Sara accarezzare la testa 《 Bravo, hai visto che non è difficile?》 Rimasi a testa bassa. Passo un minuto e di nuovo sentìi il suono del gettone cadere. Un membro turgido e lungo apparve danzanti al mio viso. Mi ritrassi per non riceverlo sulla fronte, poi aprii la bocca per accoglierlo e iniziai delicatamente come avevo fatto prima ma inizio subito a dare violenti e rapidi colpi fino in fondo alla gola come se stesse scopando infoiato e gonfio di eccitazione. Per fortuna non impiegò molto a venire ma rimase quasi un minuto col pene semiduro nella mia bocca e potevo sentire la sostanziosa quantità di sperma nella piccola risacca del preservativo posare sulla mia lingua. Finalmente decise di estrarlo. Andai avanti quasi un ora a lavorare di bocca senza contare quanti peni avevo soddisfatto. La Padrona premette il pulsante e mi richiamò a se. Facciamo una pausa schiavo. 《 Credevo avessi finito, Padrona》《 No schiavo!》 Rispose mentre eccitata contava i gettoni. Mi fece rilassare un po’ facendomi accucciai a sui piedi. Si sfilò la scarpa e mi accarezzò sulla fronte poi calzò nuovamente la scarpa e mentre feci per parlare mi zittii posando la suola sulle mie labbra. 《 ogni gettone equivale a centocinquanta euro, siamo anzi sono a mille duecento euro. Direi che possiamo ricominciare》 disse ridendo e premendo il pulsante. Tutto sommato ero contento, molti venivano quasi subito e il conto saliva, la Padrona era più che contenta ed alla fine per quanto mi riguarda, era come fare dei pompini a dei fallo posticci. Erano tutti protetti col preservativo, cambiava la consistenza ma non la sostanza. Nell'ultimo anno mi aveva addestrato bene a spompinare il dildo e una volta passato lo schock estremo dell'umiliazione che provocava un blocco riuscivo a compiere quelle azioni riuscendo ad accettare la cosa come atto di obbedienza. Non che fosse diventata una cosa normale per me ma avevo dovuto imparare pazientemente ad assoggettarmi a quella precisa volontà della Padrona. Il fatto di essere chiuso in quella stanza con lei, in fondo, mi rassicurava. Nessuno poteva vedermi ed io non avrei riconosciuto nessuno. Ma la serenità durò fino al penultimo cliente. L'ultimo gettone che cadde nel contenitore era dorato. 《 Ah! Questo deve essere Pierre》 disse Sara sorridendo compiaciuta. Pierre era quel distinto uomo intravisto all'ingresso, amico di Serena e ora anche di Sara. Vidi Sara infilarsi i guanti neri di lattice ma non riuscivo a capirne il motivo. Scese dal trono e si mise in piedi al mio fianco. Vidi apparire lentamente il pene dal buco ed ebbi un accelerazione cardiaca nel vedere che era carne nuda, senza preservativo. La Padrona mi tolse il cappuccio. Ero sudato. Con un mano mi teneva per i capelli e con le dita dell'altra accarezzava il glande di quel pene che riempiva quasi completamente il foro. Poi lo accarezzò lungo l'asta e lo impugnò davanti ai miei occhi. Si abbassò e sussurrò nell'orecchio le seguenti parole 《 quel gettone vale mille euro》 e senza che potessi replicare spinse la mia testa facendo penetrare quel grosso e lungo cazzo nella mia bocca. La guancia si gonfiava ritmicamente ad ogni colpo. Sentìi la Padrona gemere di piacere mentre facevo avanti e indietro freneticamente con la testa. Non avevo scampo, mi avrebbe riempito di sperma. Avrei dovuto ricevere il godimento di un uomo direttamente in bocca. Dire che mi sentivo umiliato era un eufemismo. Non sapevo se fosse programmato e se anche lo fosse stato non riuscii a capire come avrebbe potuto saperlo ma un attimo prima che i fiotti di caldo sperma eruttaserro dal meato urinario lo estrasse dalla mia bocca riversando schizzi di sborra sul viso. Chiusi gli occhi e sentìi le dita di Sara inguainate nel guanto cospargere il liquido seminale su tutta la superficie della mia pelle, poi come se mi stesse lavando la faccia mi passo l'intero palmo della mano, accarezzandomi. Infine mi infilò le dita in bocca passandole sulla lingua e sul l'interno guance poi mi ordinò di leccarle una ad una finché non vide più traccia di sperma. Sentivo che quella situazione l'aveva eccitata tantissimo. Mi sentivo esausto. Mi portò a conoscenza che i pompini eseguiti le avevano fruttato poco più di tremila euro.

#ropework #rigging #ropes #bondage #tiedupboy #bdsmlifestyle #bdsm #slave #domination #submissive #followme #dominagoldy #bdsmcommunity #bdsmslave #domina #ropebondage #shibaribondage #bdsmaccount #bdsmslave #dominazione #domination #submission #submissive #sadomaso #restraint #restraints


Copyright

Copyrighted.com Registered & Protected 
9659-NUMU-ZC4E-QPRG

AddToAny