Not Safe For Work

Not Safe For Work

lunedì 29 ottobre 2018

You are mine... to fuck

#dominagoldy


BDSM and Mental Health: When Kink Clears Your Head


“My head is jumbled. My skin feels too tight. I think I’m going crazy.”
“What can I do?” he asked.
“Please spank me until I cry.”

Before I was diagnosed with anxiety and bipolar disorder, I didn’t have the language to express what was going on in my head, but I’d figured out that spankings, discipline, and a few of my other kinks helped me calm down, allowed me to think more clearly, and for a moment, silenced the noise in my head. I’m not alone in my experience. While there’s a documented link between good mental health and BDSM, kink can help our mental health too.


BDSM and Mental Health
The idea that BDSM could be good for our health, mental or physical, is a fairly recent development. Ask a non-kinkster what they think about BDSM - assuming they view it unfavorably - and they’ll talk about sexual abuse, perverts, compensation for other sexual “problems,” among other accusations. As disheartening as it may be to hear, it’s not surprising. BDSM activities, in general, were classified as paraphilias and disorders in the Diagnostic and Statistical Manual of Mental Disorders (DSM) until the 2013 version was published. Liking kink in any form could be used as a cudgel against you with your doctor and in a courtroom. Sometimes, it still is.

Imagine everyone’s surprise when studies began coming out showing that kinksters aren’t mentally ill any more than the general populationis . In fact, they may be happier. A 2006 study shows that those who practice BDSM tend to have lower levels of depression, anxiety and PTSD. A 2013 study that compared non-kinksters to kinksters showed that kinksters tended to be open to new experiences (no surprise there), more conscientious and self-disciplined.

This isn’t to say that kinksters don’t have mental illnesses. Go into any online forum where kinksters gather, and a big topic is there mental health - how to deal with it, what it means and whether kink can help.

How Kink Can Help
From my own perspective, some kinky activities can help me let go of anxiety or slow roiling, bubbling, or non-stop thoughts in my mind. This may be more common than we realize, though. A study from 2015 showed that kinksters - both tops and bottoms - enter an altered state of consciousness after we scene.

What is sometimes called “top space” - the feel-good place a top goes during and after a scene - is called “flow.” It’s characterized by focused attention, optimal performance and a loss of self-consciousness. My own Dominant partner often marvels at his focus at the peak of a scene. He says that the entire room falls away and there’s only us and the scene. It’s a high he enjoys.

The alternative state most people know about is “sub space” - the floaty feeling submissives or bottoms feel after a scene. In this study it’s known as “transient hypofrontality,” which results in a reduction in pain, feelings of floating, peacefulness and time distortion. This accurately describes my experience with sub space.

These altered states could be the reason that those of who have mental health problems like anxiety or depression may feel better or calmer after a scene.

Many kinksters, myself included, use one particular kink specifically for therapeutic purposes - spankings. This isn’t new information to most people who enjoy spankings. When we discuss spankings, therapy spankings are almost always mentioned.

Whether the pain allows you to focus on something other than your racing thoughts or it creates a method for an emotional release (like tears), it can be an effective temporary fix. From personal experience, spankings calm me down or let me cry, depending on what’s going in my head and what I need at the time. Others may even benefit from the “punishment” aspect of a spanking - as if they’re being taken to ask for even having the thoughts or doing things that aren’t good for them.

Kink Isn’t a Replacement for Medical Help
I began to suspect that I was bipolar more than a decade ago when I was still in my 20s. I noticed that I had emotional energetic highs for about a week and then I fell into the dumps for a few days in a repeating cycle. Yet my depression never seemed as bad as other people’s experiences, so I figured I was just “weird” and “moody.”

My anxiety snuck up on me once I hit my 30s. While I’ve always had some anxious tendencies - planning for any problem, triple-checking myself, worrying (a lot) - it didn’t interfere with my life until around age 35. It wasn’t until I dropped a ringing phone like a hot potato (thank you, social anxiety) that I thought something might be seriously wrong.

Before I was ready to look for a kink-friendly therapist, I tried to “self-medicate” with my kink. I relied on my Dominant partner’s discipline. I asked for spankings. I gave up as much control over my life as my partner would accept (which wasn’t a lot because he’s no Master and I’m no slave). I felt out of control and jumbled. I assumed our 24/7 D/s life could fix it, especially once we threw in a few spankings.

While spankings, floggings, rough sex, and even humiliation play can be a balm to my anxious mind, it’s no substitute for therapy and, if needed, medication. If you suspect you may have a mental health problem or if you just know something doesn’t feel right in your mind, seek medical help. Stigmas over mental health are slowly but surely receding, and you will only prolong the problem if you don’t get the help you need.

There’s nothing to be ashamed of. If you’d get treatment for a broken bone, why not get treatment for a wonky brain?

Even now, after months of therapy, I still ask for a spanking when I get that tight feeling in my skin. And a whispered word about my anxiety is often enough for a really rough session of bruising, pounding kinky sex. It’s a temporary fix, and sometimes, it’s all I need. For the big stuff that a spanking can’t erase, I call my therapist.



https://www.kinkly.com/bdsm-and-mental-health-when-kink-clears-your-head/2/14463

giovedì 25 ottobre 2018

QUARTA PROVA DELLA SETTIMANA

Prova della settimana: In una giornata a vostra scelta è richiesto l'uso del plug durante il giorno.
Bisogna tenerlo 1 ora ogni 3 ore, indicativamente orario 8/17.
Con foto con orario come prova.
No uso notturno.

In aggiunta a questa prova:

Seconda prova: la seconda prova consiste nel fare ogni mattina un breve video di penetrazione anale con plug, NATURALMENTE CON LA GABBIETTA, non fate i furbi.
Durante questo video dovete dire una frase molto umiliante, diversa ogni giorno, che deciderete voi, dovete sorprenderci e divertirci. Questo OGNI MATTINA per tutta la settimana, per variazioni ovviamente, chiedere il permesso.


mercoledì 24 ottobre 2018

Parola di sicurezza: 4 persone ci raccontano la loro


Parola di sicurezza: 4 persone ci raccontano la loro. Quando si gioca fuori dalla propria zona di comfort, è sempre opportuno scegliere una safeword che vada bene per tutte le persone coinvolte. Di esempi ne esistono diversi, sia convenzionalmente riconosciuti, sia più personali. Per ampliare lo spettro delle safeword possibili e del modo per sceglierle, ho chiesto a 4 persone di raccontarmi della loro. Alcuni dei nomi usati sono di fantasia, per tutelare la privacy delle persone coinvolte.

La parola di sicurezza di Taraka
Essendo una persona non incline alla D/s, i miei rapporti sono di tipo Top/bottom e sono conosciuta nella comunità oramai da più di dieci anni con uno pseudonimo (pochissime e intime persone usano effettivamente il mio nome di battesimo). Per questo ho pensato a quale potesse essere la safeword che costituisse una via di mezzo tra l’immediatezza dovuta all’esigenza di utilizzo e il doversi un minimo sforzare per aprire quel cassetto della memoria. Ecco allora che la mia safeword è diventata “semplicemente” il mio nome di battesimo. Potrebbe sembrare troppo facile, ma vi assicuro che dopo aver usato il mio pseudonimo per 10 anni, il mio nome di battesimo viene usato davvero difficilmente, salvo appunto in casi come questo.

La parola di sicurezza di Enrico
Sono sempre stato portato a usare come safeword parole che indicassero una situazione di disagio o di emergenza. Per questo, in una relazione ho usato come safeword il nome della stazione più vicina a casa mia (non amo prendere il treno), in un’altra “gatto” perché sono allergico al pelo.

La parola di sicurezza di Giulia
Mi sono trovata molto in difficoltà quando è arrivato il momento di scegliere una safeword, perché nessuna parola mi veniva naturale e quelle più convenzionali come “rosso/giallo” mi sembravano ancora più artificiose. Un giorno mi è venuta un’illuminazione: la safeword serve a fermarsi, a fare una pausa, idealmente senza animosità o rigidità della situazione. E che cosa rappresenta meglio una pausa italiana del caffè? Ed è così che la mia parola di sicurezza è diventata “caffè”. Che oltretutto la persona con cui gioco prepara in maniera eccellente, meglio di così…

La parola di sicurezza di Franco
Per quanto riguarda la parola di sicurezza, mi piace che sia semplice e facile da ricordare, e che sia la stessa da sempre. Questo per me è importante. Inoltre non viene fuori per sbaglio come magari un “basta” o un “pietà”, o qualcosa del genere, come potrebbe accadere in un gioco un po’ duro. Non me la sentirei nemmeno di usare una safeword che che possa essere difficile da ricordare o pronunciare, tipo “acciderbolina” o “ginestra”: magari non la usi per mesi, non ci pensi e ne hai bisogno in un momento in cui sei sconvolto dalle sensazioni e dalle emozioni. La mia safeword quindi è un grande classico: rosso.

http://www.lovelifelust.com/2016/12/01/parola-di-sicurezza-4-persone-ci-raccontano-la-loro/

lunedì 22 ottobre 2018

Il LOCKTOBER è sempre impegnativo

La safeword nel BDSM e oltre: tutto quel che c’è da sapere


La safeword nel BDSM e oltre: tutto quel che c’è da sapere. Abbiamo già trattato l’argomento della safeword in vari brevi post, e ci sembra il momento giusto per un approfondimento su quello che è una delle convenzioni principali nell’ambito del BDSM e dei kink in generale. La parola di sicurezza, o safeword in inglese (e non safeworld, come dicono alcuni, per quanto ci sia effettivamente un mondo dietro), è una delle tante dimostrazioni di quello che dicono alcune antiche tradizioni: che le parole hanno potere.

Il potere delle safeword
Sappiamo già che quando si parla di consenso il sì e il no, pur con tutte le loro sfumature di significato, hanno potere. 
La parola di sicurezza altro non è che un approfondimento e un’espansione di questo concetto, fondamentale in ambiti in cui spesso dire di no può fare parte del gioco e servire ad eccitare la fantasia e i sensi dei partecipanti. 
Che cosa è infatti la safeword? 
Niente altro che una parola, o una breve frase, da dire al posto del “no” in modo che il concetto non possa essere frainteso. E’ quello che succede per esempio nel BDSM, dove chi ha il ruolo del sottomesso può desiderare lamentarsi e fingere il rifiuto, o esclamare dei “No” spontanei a seguito di giochi d’impatto particolarmente intensi… senza però voler smettere di giocare. Chiedere a una persona che ricopre il ruolo di dominante di riuscire sempre a indovinare la reale volontà della persona con cui gioca sarebbe troppo, in particolar modo per coppie che non sono ancora affiatate, o per giochi nuovi per i quali il sottomesso non sa ancora dove si trova il proprio limite. Dunque, le parole di sicurezza – che possono essere molto varie, e dopo ne vedremo alcune – esistono per permettere un gioco più fluido e sereno, senza stare a interrogarsi o a interrogare l’altro sulla veridicità di un no, di un basta, di qualsiasi altra forma di rifiuto.

Va inoltre considerato che avere una safeword è un po’ come avere un maniglione antipanico: sapere che la si può pronunciare in qualsiasi momento, esercitando il proprio diritto a interrompere un’attività che non è più gradita, permette di giocare in modo più rilassato anche un po’ fuori dalla propria zona di comfort. Molte persone che giocano con ruolo sottomesso riescono più facilmente a superare un limite quando sanno di poter smettere, letteralmente, quando vogliono e senza dover necessariamente motivare la propria decisione. Allo stesso modo, chi domina può avere la serenità di sapere che non dovrà decidere e valutare la situazione in ogni momento, lasciando una parte di potere decisionale nelle mani del partner. In questo modo potrà, se lo desidera, portare il gioco un po’ oltre senza questo genere di remore.

Ma perché non dire semplicemente di no?
Il motivo è principalmente uno: per non confondersi.
La parola di sicurezza ha come unico obiettivo quella di significare “adesso basta davvero” in modo chiaro, riconoscibile, inconfondibile. Il no può essere detto in qualsiasi momento con qualsiasi sfumatura di significato e vale lo stesso per parole come “basta, non ne posso più, ti prego” e così via. Proprio per questo motivo la safeword deve avere alcune caratteristiche ben precise:
Deve essere concordata: tutte le persone che giocano o sono coinvolte nella scena dovrebbero sapere che quella parola è la safeword, in modo da poterla riconoscere subito e rispettare.
Non deve essere collegata con ciò che si sta facendo: provate a pensare che cosa accadrebbe se la safeword fosse “sculacciata” durante una sessione di spanking, o “budino” durante una sessione di sploshing!
Deve essere facile da dire: durante una stimolazione sessuale o sensoriale particolarmente intensa, il nostro cervello si focalizza sulle sensazioni fisiche e di conseguenza parlare può diventare più difficile. Forse “precipitevolissimevolmente” può risultare oltre le capacità linguistiche della persona coinvolta.
Allo stesso modo, si deve poter ricordare. Per essere certi che questo accada, potete scegliere una parola che sia in qualche modo significativa per voi e il/i partner e usare sempre la stessa.
Ma soprattutto, la safeword va rispettata, sempre. Altrimenti la sua esistenza non avrebbe senso e, soprattutto, la volontà delle persone coinvolte non sarebbe rispettata. La consensualità è sempre alla base di un gioco sano e rispettoso, e da questo non si può prescindere.

Quale parola di sicurezza scegliere?
Ognuno è libero di scegliere la parola di sicurezza che preferisce, in base alle proprie preferenze. Il bacino è molto vasto, ed è quasi pari al vocabolario della lingua italiana (fatte salve magari alcune eccezioni come quelle sopra indicate). Esistono anche delle parole di sicurezza convenzionali che risultano più riconoscibili di altre, proprio perché sono molto usate. Ecco quali sono:
Il codice del semaforo: rosso, giallo e verde. 
Hanno esattamente il significato delle luci del semaforo: verde significa “tutto bene, procedi pure”, rosso vuol dire “fermati subito”. In questo caso esiste anche il giallo, con il significato di “aspetta, rallenta, fai attenzione”. Può corrispondere alla richiesta di rallentare il ritmo, per riprendere fiato, oppure di cambiare qualcosa, eventualmente dopo un breve scambio verbale su quello che non andava.
Un codice numerico, che indica la quantità di dolore o disagio che la persona sta provando. In risposta a una verifica della persona che conduce il gioco, o in modo spontaneo, chi ha ceduto il controllo può quindi indicare 1 o 2 se è totalmente a proprio agio, 6 o 7 se soffre, è fuori dalla sua zona di comfort o si sente umiliato, ma riesce (e soprattutto vuole) gestire la situazione, o un numero più alto se vuole fermarsi. In questo caso, il codice prevede sicuramente un accordo preventivo sulla soglia di disagio accettabile per entrambi. Infatti ognuno può avere un modo diverso di valutare o gradire le sensazioni provate, e così il desiderio di spingere su un limite può variare da un momento a un altro!
La safeword consiste nel pronunciare la parola safeword: più semplice di così…!

In ogni caso non è detto che si debba scegliere una parola di sicurezza conosciuta da tutti. Trovate, fra i nostri post, alcuni esempi di parole di sicurezza effettivamente utilizzate da persone che si muovono nell’ambito kinky e BDSM, così come dei suggerimenti su come potreste fare per scegliere la vostra. Ovviamente, se sentite che la parola di sicurezza scelta non rappresenta, o non più, il modo in cui volete dire “ora basta”, potete modificarla quante volte vi va. Nessuno la scriverà sulla vostra carta d’identità o ve la tatuerà addosso, la scelta è soltanto vostra.
Oltre la safeword: il safesignal o segnale di sicurezza
Finora abbiamo parlato di safeword come se si potesse sempre articolare facilmente una parola. Ovviamente, sappiamo che non sempre è così: perché in alcuni giochi può essere eccitante farsi imbavagliare, perché si può avere perso la testa così tanto da non essere in grado di dire anche poche parole, perché qualcuno ha una disabilità per cui non può parlare in modo chiaro, oppure sentire. E’ sempre utile in questi casi stabilire un safesignal, ossia un gesto o segnale convenzionale che abbia esattamente lo stesso significato della parola di sicurezza.
Se si preferisce un segnale sonoro si può maneggiare qualcosa che faccia rumore, come una campanella o un mazzo di chiavi, o ancora optare per un mugugno ottenibile anche con la bocca imbavagliata (massima attenzione va anche posta a imbavagliare qualcuno in modo che possa deglutire e respirare correttamente!).
Per un segnale visivo, un gesto o una piccola torcia possono essere l’ideale. Il secondo esempio è particolarmente valido se si gioca in ambienti non molto illuminati, quando magari avete scelto di tenere le luci basse per fare atmosfera.
Si può anche optare per un segnale tattile, come per esempio prendere la mano dell’altra persona o toccarla in un modo specifico. Attenzione: questo tipo di safesignal è sconsigliato se state facendo un gioco di impatto perché la mano di chi vuole dare il segnale potrebbe andare a finire nella traiettoria dello strumento usato per percuotere, provocando un impatto non desiderato, doloroso e potenzialmente dannoso. E’ invece un tipo di gesto indicato per altri generi di gioco. Per fare un esempio su tutti, quello di una situazione in cui siano coinvolte anche altre persone, in cui si vuole comunicare un disagio o altro solo a una di esse (per esempio il partner principale).

Si può decidere di non usare la safeword?
Certo, si può decidere di fare qualsiasi cosa, previo consenso di tutti i partecipanti all’azione. Noi sconsigliamo di giocare senza una safeword, perché significa non lasciarsi un’uscita di sicurezza, la possibilità di interrompere quello che si sta facendo senza indugio o domande. Avventurarsi oltre la propria zona di comfort senza una parola di sicurezza può certamente far percepire ancora di più la trasgressione, lo scambio di potere, la cessione del controllo e le altre dinamiche del gioco che si intraprende. Il gioco può quindi risultare più coinvolgente, ma questa atmosfera rischia di sgretolarsi completamente quando uno dei due vuole fermarsi. Esistono relazioni ben rodate i cui membri sono in grado di leggere e interpretare perfettamente i comportamenti l’uno dell’altro, e in questo caso la parola di sicurezza non viene usata. Consigliamo comunque di averne una, augurandovi di non doverla mai usare, insomma un po’ come l’assicurazione o la garanzia dell’auto.
http://www.lovelifelust.com/2017/01/18/la-safeword-nel-bdsm-e-oltre-tutto-quel-che-ce-da-sapere/

• 🄳🄾🄼🄸🄽🄰 🄶🄾🄻🄳🅈 • • #collar #restraint #restraints #submissive #submissiveboy #cuffs #cuffed #leathercuffs #leathercollar #leather #bdsmplay #bdsmrelationship #bdsmlife #bdsmkink #bdsmlifestyle #mistress #submission #collared #bdsm #sadomaso


mercoledì 17 ottobre 2018

TERZA PROVA LOCKTOBER

TERZA PROVA LOCKTOBER: 

UN GIORNO INTERO INDOSSANDO SLIP FEMMINILI, REGGISENO IN PIZZO E COLLANT.
OGNI 3 ORE È RICHIESTA UNA FOTO CHE DIMOSTRI CHE STATE INDOSSANDO QUANTO RICHIESTO. 
LA FOTO DEVE MOSTRARE  L'ORA.
AGLI SLAVE SPOSATI, È CONCESSO UNA DEROGA E LA PROVA SARÀ DALLE 9.00 ALLE 18.00, OVVIAMENTE SE POTETE INDOSSARLA ANCHE OLTRE E NON AVETE PROBLEMI, MEGLIO ANCORA!

LA PROVA COMINCIA ALLE 9.00!

P.s.: la prova comincia alle 9.00, il giorno in cui decidete di farla...

◦•●◉✿ ᗷ-ᑭᖇEᔕEᑎT ✿◉●•◦ • #dominagoldy #katvondbeauty #katvond #katvondcosmetics


◦•●◉✿ ᗩᖇᖇIᐯᗩᑎO I ᑭᖇIᗰI ᖇEGᗩᒪI!!! ᗰE ᑕOᑎTEᑎTᗩ! ✿◉●•◦ • #birthdaypresent #dominagoldy #dioraddict #dior #lancome #lancomeitalia #diormakeup #diegodellapalma


#ropework #rigging #ropes #bondage #tiedupgirl #bdsmlifestyle #bdsm #slave #domination #submissive #followme #dominagoldy #bdsmcommunity #bdsmslave #domina


lunedì 15 ottobre 2018

FINDING POWER THROUGH PLAY: HOW BDSM CAN FUEL CONFIDENCE


By Emerald Bensadoun

Marianne LeBreton is suspended in mid-air, tied in an upside-down futumomo, legs bound together. The ropes cascade in intricate patterns, beginning at her ankles and working their way all the way around her wrists. The ropes arch her body backward. Her breathing steadies. Serenity washes through her. The slight discomfort of certain positions causes slow burns to spread across her body—but the pain is secondary to the relief. LeBreton becomes entrenched in a state of flow. Her mind is quiet. She’s enjoying the intensity, both emotionally and physically.

For LeBreton, bondage has become a meditative experience. When it comes to receiving pain, which she enjoys, it takes a certain focus and determination. LeBreton finds rope— especially Japanese rope bondage—to be particularly meditative. She equates BDSM to an empowering “sense of calm,” but it didn’t start out that way.


“What colour should it be?” thought LeBreton. She wanted her boyfriend to like it. As an 18-year-old student on a budget, it couldn’t be too expensive. For almost a week she scrolled through the internet until she finally came across what she was looking for. It was even in her price range. This was the one. Satisfied, she clicked “purchase.” LeBreton had just bought her first flogger—a whip with long tendrils coming out the end. “It felt like the beginning of something for me,” said LeBreton.

When asked about her first experience with BDSM, she grins from ear to ear, trying to visualize the details. “There wasn’t Fifty Shades of Grey but there was hentai,” she says. At the age of 13, LeBreton became fascinated with Bondage Fairies, an erotic manga about highly sexual, human-shaped female forest fairies with wings who work as hunters and police protecting the forest.

Now 30, LeBreton has an MA in sexology from Université du Québec à Montréal and owns KINK Toronto, an up-and-coming BDSM boutique in Toronto’s Annex. BDSM, she says, is about much more than pain—it’s about empowerment. LeBreton says we could use a little more playfulness in our lives. More sensuality. More discovery. “That’s usually what I hear from customers who are curious; they are excited and thrilled to be daring and to be doing this for themselves or their partners,” says LeBreton. “It’s definitely a journey of self-discovery and acceptance.” In her workshops, being naked and engaging in play publicly, she says, has helped with her confidence and body image.

In 2015, Christian Joyal, who has a PhD in psychology from the Université du Québec à Trois-Rivières, and his colleagues published a paper on fantasies; ranging from sex in a public places, to tying up a sexual partner, to watching same-gender sex and pornography. But there were also fantasies about being dominated sexually. These were present in 65 per cent of women and 53 per cent of men; dominating someone sexually, present in 47 per cent of women and 60 per cent of men; being tied up for sexual pleasure which appealed to 52 per cent of women and 46 per cent of men.

“From what we’ve seen, most people have a very strict image of what [BDSM] should look like, which is very restricting,” she says. BDSM, she notes, doesn’t have to involve leather. It doesn’t have to involve pain. Another mistake is attributing masculine or feminine traits to erotic behaviour. For many people, BDSM is a healthy way to express their sexuality and grain a sense of control in their lives and of their bodies.



IN HER WORKSHOPS, BEING NAKED AND ENGAGING IN PLAY PUBLICLY, SHE SAYS, HAS HELPED WITH HER CONFIDENCE AND BODY IMAGE

When it comes to dominance and submission, negotiations, and boundaries, safety and consent are crucial. While the words “dominant” or “top” may conjure up images of complete control, those in the BDSM world know that the submissive, or “bottom” hold true power. “The bottom is the one who gets to decide what they would like, what they do not want, what their limits are,” says LeBreton, “It’s the top’s responsibility to follow that through. Of course some people have very specific kinks where it’s kind of like ‘I want you to take control.’ But that’s negotiated and within limits set by the bottom.”

Feeling in control can also be about letting go. Relinquishing that sense of control they exert in every other part of their lives can be therapeutic. For this reason, LeBreton says that men, especially those in positions of higher power, will often identify as submissives in the bedroom.

Alex Zalewski says he’s always been a little rough. But in a seven-year “vanilla” relationship, it was difficult to break routine. Months later, for the first time in Zalewski’s life, he felt horribly unsure of himself. He’d been flirting with a new girl for some time whose friends invited him to their apartment. But he was confused. “Spit in my mouth,” she demanded. “Slap me.” Zalewski was torn between arousal and inner turmoil. If there was one thing he’d ever been taught from a young age, it’s that good boys don’t hit women.


For Zalewski, empowerment is a quiet confidence, and feeling a level of control that builds pleasure from the knowledge that he is fulfilling his partners’ desires. Zalewski, who lives in Toronto’s downtown core, offers relationship and personal coaching for various clients in his spare time, but he doesn’t charge money for it. The women in his life kept asking him for advice on BDSM. He decided he would try his best. In 2016 he created Authentic Connections, to help people overcome their barriers in exchange for a relationship they’ve always wanted. His goal was to have someone open up to him enough about the types of barriers that were preventing his clients and their partners from having the sex life they wanted to have.

“What are your fantasies? What are your desires? What do you want out of your partner or partners?” He would ask them. Once he could get them to admit what they actually wanted, they would work out a plan. Develop themselves, develop their skills to be able to do the things that would help them achieve their goals. Zalewski says a lot of the time, this is the most difficult step for the people he’s met with. It’s hard for people to step outside their comfort zones sometimes, he says, because they’ve been conditioned into associating kink and BDSM with abuse and mental instability.

A person becomes curious in BDSM. They don’t tell their friends. Maybe they’re afraid of being ridiculed or judged. Maybe rejection. But maybe it’s none of those things. Maybe they just want to keep their personal life, personal.

In 2006, the Journal of Psychology and Human Sexuality published an article that compared BDSM practitioners to published norms on 10 psychological disorders. Compared to the normative samples, those who actively engage in BDSM had lower levels of depression, anxiety, post-traumatic stress disorder, psychological sadism, psychological masochism, borderline pathology and paranoia.

But just because a person likes to be controlled in the bedroom doesn’t necessarily mean those needs translate into the real world and can have dangerous implications for parties involved.

Jen Chan was 16. Her boyfriend was 24. He was her dominant and she was his submissive. “That was generally the dynamic of how our relationship went,” she says. But chipping away at her self-esteem, her boyfriend would pressure her into doing things she wasn’t sure if she was comfortable with, and she would go along with them, afraid of appearing inexperienced and childish to her older boyfriend. While BDSM allows you to play out different scenarios from that of everyday life, she says her first experience with dominance and submission was just an extension of the life she already had.

IT’S HARD FOR PEOPLE TO STEP OUTSIDE THEIR COMFORT ZONES SOMETIMES, HE SAYS, BECAUSE THEY’VE BEEN CONDITIONED INTO ASSOCIATING KINK AND BDSM WITH ABUSE AND MENTAL INSTABILITY.

After their relationship ended, Chan says it took her several years until she felt confident enough to engage in BDSM again. Coming out as queer, she says, has also made all the difference. Chan now identifies as a switch, which is someone who enjoys partaking in both dominant and submissive roles, or both topping and bottoming.

“There is something very staged, controlled and intentional about BDSM, at least that’s the way I interact with it,” says Chan, who adds that her empowerment with BDSM lies in feeling like she’s doing something adventurous in an environment of her choice. Feeling satisfied sexually, she says, has made her feel more confident in the real world.

Is what you’re doing safe? Is what you’re doing consensual? Zalewski says risk awareness, the amount of risk a person is comfortable taking in order to attain the pleasure plays a large role in BDSM. From flesh hook suspension to unprotected sex, it’s important to understand the personal level of risk you are comfortable with when it comes to the acts you want to perform.

Chan says that while engaging in BDSM gave her the opportunity to try new things and step into new roles, most importantly, it allowed her to reclaim control, sexually. As a person begins to immerse themselves in BDSM, Chan says, they start to learn more about what makes them comfortable, where their boundaries lie, all while pushing themselves to continually learn new things—and to her, that’s all empowerment really is.

https://theeyeopener.com/2018/02/finding-power-through-play-how-bdsm-can-fuel-confidence/

◦•●◉✿ IT'ᔕ ᗰY ᗷIᖇTᕼᗪᗩY! ᕼᗩᑭᑭY ᗷIᖇTᕼᗪᗩY TO ᗰE! ✿◉●•◦ #dominagoldy #happybirthday #happybday


TODAY IS THE DAY: HAPPY BIRTHDAY TO ME!

Copyright

Copyrighted.com Registered & Protected 
9659-NUMU-ZC4E-QPRG

AddToAny